Lascito testamentario

Lascito testamentario2019-07-09T13:14:50+00:00

Fare un lascito testamentario in favore di Città della Speranza significa prendersi cura del prossimo anche dopo di sé e avere la certezza che la propria volontà sia rispettata.

Cosa si può lasciare
• Beni immobili (es. edifici, appartamenti, terreni)
• Beni mobili (es. gioielli, arredi, opere d’arte)
• Somme di denaro
• Polizze assicurative sulla vita
• Azioni
• Fondi d’investimento

Tipi di testamento
Olografo: il testatore lo redige a mano, datandolo e firmandolo. Lo può conservare egli stesso o affidare a una persona di fiducia, tra cui il notaio.
Pubblico: le volontà del testatore vengono dichiarate al notaio, che le mette per iscritto alla presenza di due testimoni. Il testamento viene conservato dal notaio stesso che, dopo la morte del testatore, ne comunicherà l’esistenza agli eredi e ai legatari.
Segreto: sottoscritto dal testatore su ogni mezzo foglio e consegnato al notaio in un plico da sigillare alla presenza di due testimoni, non potrà essere letto da alcuno.

Il testamento è un atto revocabile in qualsiasi momento.
La redazione di una nuova versione andrà a sostituire la precedente.

Donazione in vita: forma di contratto, conclusa presso il notaio per atto pubblico e alla presenza di due testimoni, con cui, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l’altra di un bene o di denaro.

I lasciti e le donazioni in vita, destinati a una Onlus, sono esenti da imposte.

Per info: segreteria@cittadellasperanza.org (rif. Marisa Gregori)

Clicca QUI e scopri di più