Minivolley Fipav e Città della Speranza, insieme da 21 anni

20180504_111329

Minivolley Fipav – 6 maggio – Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza

Nel 2015 abbiamo fatto il primo test, e la risposta è stata strabiliante: famiglie, bambini, campi da minivolley, palloni ovunque …… e tutto all’ombra della Torre della Ricerca, questa straordinaria costruzione che sembra voler abbracciare tutti coloro che gli gravitano attorno e che, con i propri ricercatori, giorno per giorno, cerca di concretizzare le speranze di quanti sono nel bisogno.

Un pomeriggio di gioco e festa, dove circa 1.300 bambini potranno divertirsi lungo tutta la Via della Ricerca Scientifica, di fronte all’Istituto della Ricerca Pediatrica, gentilmente chiusa al traffico per tutta la giornata dal Comando della Polizia Municipale di Padova, con la collaborazione e disponibilità di Poste Italiane per l’operatività del Centro di Meccanizzazione Postale, accessibile solo dalla stessa arteria stradale. Saranno coinvolti, oltre ai piccoli, circa duecento allenatori, altrettanti accompagnatori, molti parenti e simpatizzanti. E anche tanti volontari dell’organizzazione per rendere puntuale, funzionale ed efficace questo momento d’incontro.

IMG_0785Accompagneranno i nostri bambini i loro fantastici MINIAMICI DEL MINIVOLLEY, personaggi ideati dal settore PROMOZIONE E SVILUPPO ATTIVITÀ GIOVANILE della FIPAV Padova, che con le loro storie fantastiche, già da cinque anni, aiutano i piccoli nella loro crescita, veicolando valori sportivi ed aggregativi. Verrà loro consegnato l’episodio 24 della serie iniziata nel 2011.

INSIEME PER UNA SPERANZA è diventato lo slogan del settore PROMOZIONE e SVILUPPO ATTIVITÀ GIOVANILE.
I bambini del minivolley (fascia d’età dai 6 agli 11 anni) sanno che ogni volta che vengono a giocare nei momenti organizzati dalla FIPAV Padova, devono portare 1 euro dei propri risparmi che verrà devoluto alla ricerca per le cure dei loro coetanei che non hanno la possibilità di divertirsi come loro.

Una ruota che, come in tutte le cose, ha iniziato a girare lentamente ma che ora, a distanza di 21 anni, è a pieno regime e non serve più che venga ricordata.

 



Articolo pubblicato: venerdì, 4 maggio 2018

2018-07-12T08:05:31+00:00