“Match point” di successo a Fontane di Villorba

Prendi una bella giornata di sole di metà settembre, aggiungi un po’ di sano sport e la gioia di trascorrere una serata “fashion” in compagnia. Condisci il tutto con la volontà di aiutare a guarire i bambini alle prese con una malattia, ed eccoti servito “Match Point per la Vita”. La seconda edizione della manifestazione, svoltasi ieri al Park Tennis di Fontane di Villorba, ha fatto incetta di entusiasmo e partecipanti (ben 180!) per sostenere la Fondazione Città della Speranza e la ricerca scientifica sulle patologie onco-ematologiche e pediatriche.

A dare verve all’iniziativa, sin dal mattino, sono stati i ragazzini tra i 5 e i 12 anni impegnati nel torneo di tennis singolo, mentre nel pomeriggio ci hanno pensato sedici coppie a sfidarsi nel doppio misto. Una competizione avvincente, quest’ultima, che ha visto distinguersi, nel Torneo A, Maurizio Da Pian e Marina Volpato, seguiti da Carolina Marsoni e Stefano Buffa. Le due coppie vincitrici del Torneo B, invece, sono state Elena Mercante e Riccardo Liguori, Francesca Ciaccia e Fabio Pravato. I trionfatori, compresi tutti i bambini, sono stati premiati dall’ex campionessa di sci Deborah Compagnoni.

La serata è stata un crescendo di emozioni, prima per il palato grazie alla cena a bordo piscina – i cui prodotti sono stati gentilmente offerti da aziende del territorio –, poi per l’occhio grazie alla sfilata di moda. Le atlete grandi e piccine del Park Tennis, infatti, hanno indossato i kimono giapponesi selezionati da Lidia Manavello, accompagnati dalle borse di Anna Moroni e dai gioielli di Franca Goppion-Fragolab. Tutti pezzi unici e di alta qualità, realizzati da realtà artigiane trevigiane.

A tenere con il fiato sospeso è stata anche la lotteria caratterizzata da ricchi premi, tra cui un weekend a Cortina d’Ampezzo, presso l’Hotel Europa.

Il successo di “Match Point per la Vita” è dovuto al merito di moltissime persone. Un particolare ringraziamento va ai maestri federali del Park Tennis Roberto Marian, Gianfranco Griso e Antonello Bottacin per l’organizzazione del torneo; a Luca Pinzi per la conduzione della serata; agli studenti dell’Istituto alberghiero Alberini di Villorba per il servizio di accoglienza e ai volontari della Città della Speranza per l’immancabile dedizione.



Articolo pubblicato: martedì, 19 settembre 2017

2018-07-12T08:05:38+00:00