Il nuovo coordinatore dell’attività scientifica

pierotti-vert

Marco Alessandro Pierotti Coordinatore delle attività di ricerca dell’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza

 

PADOVA _ E’ stato alla guida della direzione scientifica della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano negli ultimi otto anni e da oggi è il nuovo Segretario del coordinamento delle attività di ricerca della Fondazione Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza.

Classe 1947, biologo, il dottor Marco Alessandro Pierotti vanta un curriculum scientifico di altissimo profilo.

E’ stato Presidente della Società Italiana di Cancerologia, della European Association for Cancer Research e Presidente dell’Organization of European Cancer Institutes.

Il dottor Pierotti ha contribuito significativamente a definire alcuni aspetti della genetica molecolare dei tumori, in particolare, di quelli della tiroide caratterizzando i geni RET e TRK con ruolo patogenico anche in alcune sindromi neurodegenerative. Il gruppo da lui diretto ha, per primo, dimostrato il ruolo diretto di RET nei tumori della tiroide insorti in bambini esposti all’incidente nucleare di Chernobyl. Inoltre, ha partecipato ai primi studi sul ruolo del virus del papilloma (HPV) nei tumori del tratto genitale e dell’orofaringe. Il dott. Pierotti è responsabile dal 1995 del Programma Tumori Ereditari che costituisce uno dei primi approcci organici a questo problema attuato nel nostro Paese. La particolarità dei tumori ereditari consiste, contrariamente ad altre malattie genetiche, nell’ereditarietà del rischio e non della malattia. Questa definizione e analisi di rischio è una caratteristica della medicina predittiva, il cui sviluppo è aumentato esponenzialmente come conseguenza del completamento del Progetto Genoma Umano. E’ una nuova medicina che utilizzando la conoscenza del profilo genetico di ogni persona può rendere possibile individuare nuovi e più efficaci sistemi di prevenzione e di cura delle malattie. Il dott. Pierotti ha inoltre contribuito alla realizzazione del Laboratorio di Diagnostica Molecolare presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – Milano. In questo ambito la diagnostica molecolare caratterizza ogni singolo tumore e, in prospettiva, ogni singolo paziente per applicare quei principi di medicina molecolare che stanno portando in ambito oncologico ad una sempre più sviluppata applicazione del concetto di terapie personalizzate.

Nell’ambito della caratterizzazione molecolare dei tumori ha sviluppato, con il gruppo da lui diretto presso IFOM, la prima piattaforma nanotecnologica dei cDNA microarray con la quale ha intrapreso una nuova classificazione dei tumori su una base molecolare e capace di rispondere a quesiti di tipo diagnostico e prognostico per lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici. Questi studi hanno prodotto risultati nell’ambito dei tumori delle ovaie, della mammella e dei sarcomi dei tessuti molli.

In questi ultimi anni il dott. Pierotti si è anche dedicato agli aspetti molecolari della Targeted Therapy. In quest’ambito ha contribuito a sviluppare modelli di predizione “in silico” dell’attività di farmaci innovativi. Nell’ambito della Rete Oncologica Lombarda e in collaborazione con il centro di ricerche di Nerviano Medical Sciences ha poi contribuito allo sviluppo di un nuovo modello di collaborazione tra ricerca accademica e industria farmaceutica per la promozione di ricerche cliniche indipendenti e lo sviluppo di nuove molecole terapeutiche.

Il presidente della Fondazione IRP, Andrea Camporese, ha così commentato la nomina: “Un grande professionista da un curriculum importante che ha accettato la nostra sfida è un motivo di orgoglio ed un ulteriore carico di responsabilità nel perseguire gli obbiettivi che ci siamo prefissati. Come in ogni passaggio importante, aumentano gli stimoli, gli impegni e la determinazione che metteremo nel lavoro quotidiano affinchè IRP diventi un centro di ricerca riconosciuto e attrattivo. Un grazie di cuore al dott. Bellon che ha ricoperto questo ruolo nella prima fase di attività ed alla collaborazione che certamente forniranno tutti i ricercatori. Ora più che mai saremo in grado di attrarre idee nuove, coagulare energie, partecipare a bandi nazionali ed internazionali e dimostrare che l’investimento in ricerca è il futuro e che le sinergie tra pubblico e privato portano anche ad avere Direttori Scientifici del calibro del Prof. Pierotti. Al mondo economico dico:” investite assieme a noi e faremo assieme grandi cose!”

Il dottor Marco Pierotti dichiara: “Sono particolarmente contento e orgoglioso di essere stato chiamato a contribuire a questo grande e ambizioso progetto. I due aggettivi sono sicuramente appropriati quando accompagnati da eccellenza scientifica e professionalità gestionale, elementi che entrambi caratterizzano l’attività della Fondazione IRP. Questa Istituzione, oltre agli elevati contenuti scientifici, propone un fondamentale valore aggiunto dato dai suoi valori fondanti e dal bisogno a cui è chiamata a rispondere con le sue attività”.



Articolo pubblicato: mercoledì, 1 aprile 2015

2018-07-12T08:05:54+00:00