Una formica pilota per far correre la speranza

Schermata 2018-02-12 alle 11.43.20Tutto è cominciato dieci anni fa, visitando il day hospital dell’Oncoematologia pediatrica di Padova, e da allora è stato un crescendo di iniziative per sostenere la ricerca scientifica. Iniziative tutte collegate dal filo rosso della velocità. Sì, perché il principale artefice di cotanto impegno è il pilota bellunese Enzo Slongo. In un decennio, grazie al progetto “La velocità della speranza”, ha donato alla Fondazione Città della Speranza oltre 50mila euro. Gli ultimi 2mila euro, frutto della raccolta fondi derivata dai mercatini di Natale nella sua Fonzaso (Belluno), sono stati consegnati nei giorni scorsi in Istituto di Ricerca Pediatrica, alla presenza del presidente della Onlus, Franco Masello. Per l’occasione è stata esposta la Citroen Saxo con cui Slongo ha gareggiato per diverse stagioni prima di passare il testimone al figlio Matteo. Una macchina diversa dalle solite auto da competizione perché vi compaiono i disegni dei sei pazienti che, nel 2007, hanno accettato di rappresentare la velocità della propria speranza nella guarigione. E poi, soprattutto, vi è la formica pilota realizzata dall’illustratore trentino Fabio Vettori. Simbolo di laboriosità e risparmio, la formica si pone come guida de “La velocità della speranza” per aiutare la ricerca a raggiungere nuovi e importanti traguardi. Di qui l’idea di proporre, per agevolare la raccolta fondi, l’adozione virtuale del noto animaletto.

“Il progetto ha ottenuto ampi consensi tra le persone e altre associazioni ne hanno condiviso le finalità – racconta Enzo Slongo –. Ciò ha permesso di avviare interessanti collaborazioni, per esempio con il maestro cioccolatiere Mirco Della Vecchia, che ha realizzato prodotti ad hoc, oppure con ‘L’orchestra della Speranza’. Ringrazio davvero tutti, a partire dalla squadra di volontari che mi accompagna in questo entusiasmante cammino”.

Il team sta già lavorando ad altre iniziative. Nuove sorprese si preannunciano dunque all’orizzonte…

 

 



Articolo pubblicato: lunedì, 12 febbraio 2018

2018-07-12T08:05:36+00:00