Fondazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma in visita alla Torre della Ricerca

Giovedì 20 giugno una delegazione della Fondazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma di Genova, realtà indipendente e all’avanguardia dedicata alla ricerca sul neuroblastoma e sui tumori cerebrali pediatrici presieduta dalla Dott.ssa Sara Costa, ha visitato i laboratori dell’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza.

La Fondazione Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza di Padova e la Fondazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma di Genova hanno firmato lo scorso gennaio un accordo per cui il Laboratorio della Fondazione Neuroblastoma verrà ospitato in ampi e nuovi spazi nella Torre della Ricerca di Padova. I ricercatori avranno a disposizione per la loro attività strumentazione scientifica all’avanguardia, archivi, biblioteche e banche dati e potranno sviluppare sinergie con colleghi italiani e stranieri. La Fondazione Neuroblastoma si è impegnata a sostenere finanziariamente l’attività di ricerca e formazione per almeno mezzo milione di euro.

La visita a Padova della delegazione genovese è stata un’occasione per presentare i progetti di nuove idee di ricerca e piani d’azione delle squadre di ricercatori, già al lavoro all’interno della Torre.

I programmi che si svolgeranno a Padova sono principalmente due:

a) analisi del genoma delle cellule maligne con strumenti molto all’avanguardia. Tali strumenti possono analizzare tutto il DNA della cellula, costituito da 3 miliardi di basi, in pochi giorni. Fino a pochi anni fa erano necessari molti mesi. Questo studio metterà in evidenza i difetti molecolari delle cellule tumorali. Più saremo a conoscenza delle anormalità della cellula maligna più potremmo aggredirla e limitarne la crescita;

b) studio di modelli preclinici con nuovi farmaci. Sarà possibile studiare l’attività di nuovi farmaci impiegando anche dei pesciolini chiamati Zebrafish che possono fornire utilissime informazioni sull’attività del farmaco. Tali attività potranno essere trasferite all’uomo per disegnare, insieme ai medici oncologi, dei protocolli più efficaci per la cura del neuroblastoma e dei tumori cerebrali. Si prevede di iniziare con dei protocolli pilota sui pazienti nel giro di pochi anni.

Per svolgere i programmi di ricerca saranno selezionati giovani ricercatori con curriculum eccellente che saranno coadiuvati da alcuni ricercatori con lunga esperienza in laboratori di ricerca internazionali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *