Dal liquido amniotico cellule pluripotenti come embrionali

Ancora ottime notizie dagli studi dei nostri ricercatori: le cellule staminali presenti nel liquido amniotico possono essere riprogrammate ad uno stadio “più primitivo”. In pratica possono essere ricondotte ad una situazione simile a quella in cui si trovano le cellule staminali embrionali, in grado di differenziarsi in ogni tipo di cellula, diventando in sostanza pluripotenti.

E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Molecular Therapy che riguarda il lavoro del gruppo di ricerca del Dott. Paolo De Coppi, primario di Chirurgia Pediatrica presso l’Ospedale Pediatrico Great Ormond Street Hospital di Londra e Ricercatore all’Università di Padova. Proprio De Coppi, ancora nel 2007, aveva dimostrato che il liquido amniotico contiene cellule staminali che provengono dal feto ma che queste cellule possiedono capacità rigenerative più limitate rispetto a quelle delle cellule staminali embrionali ora è stato dimostrato che è possibile dare loro le capacità di quelle embrionali.

In questo nuovo studio invece, coordinato da De Coppi e dalla Dott.ssa Guillot dell’Imperial College di Londra, appare chiaro che le cellule staminali derivate dal liquido amniotico possono essere indotte in uno stato più versatile, simile a quello in cui si trovano le cellule staminali embrionali, se cresciute in particolari condizioni colturali ed in presenza di un farmaco chiamato acido valproico. Le cellule staminali amniotiche così riprogrammate in laboratorio sono in grado di differenziarsi in tutti i tipi cellulari dell’organismo – una proprietà conosciuta come pluripotenza – dalle cellule nervose a quelle dell’osso. Da molti anni è in corso la ricerca di alternative all’utilizzo delle cellule staminali embrionali a causa delle problematiche etiche connesse all’utilizzo degli embrioni umani e all’impossibilità di utilizzarle in modo autologo. Con l’utilizzo delle staminali amniotiche rigenerate il problema verrebbe così superato. (ANSA)

Per leggere tutta la rassegna stampa, clicca qui.



Articolo pubblicato: mercoledì, 11 luglio 2012

2016-05-27T16:15:13+00:00