Concretezza e propensione al “fare” di IRP spingono il mondo imprenditoriale

100_9128Portare all’attenzione del pubblico i grandi successi dell’ingegno umano al servizio dell’uomo stesso. È nata con questo intento la mostra “Oltre l’Uomo: da Leonardo alle Biotecnologie” che, dal 28 gennaio al 2 maggio 2017, ha attirato al Lanificio Conte_Shed di Schio (Vicenza) ben 13mila visitatori provenienti anche da fuori regione. Promossa dal Distretto della Scienza e Tecnologia, in collaborazione con il Comune di Schio, Confindustria Vicenza e Pleiadi, l’esposizione interattiva ha visto il patrocinio, tra gli altri, dell’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza.

“Città della Speranza e Distretto della Scienza e Tecnologia hanno scopi molto diversi, ma trovano comune origine nel mondo imprenditoriale, del quale portano nel DNA concretezza e propensione al ‘fare’ – spiega Luca Fabrello, portavoce DST –. Nel caso specifico, l’ambito di interesse si è sovrapposto perché da un punto di vista imprenditoriale i frutti dell’attività dell’IRP CdS possono diventare linfa per le imprese”.

100_9132La riprova arriva dall’innovativo percorso intrapreso dall’Istituto da alcuni mesi. Esso mira da un lato a tutelare i prodotti della ricerca attraverso i brevetti (tre quelli finora realizzati nei campi della medicina rigenerativa e della nanomedicina), dall’altro a coinvolgere l’imprenditoria affinché, investendo in ricerca, acquisisca i brevetti per dar vita a start up e crei possibilità lavorative per i migliori ricercatori che così non dovranno più emigrare all’estero.

A dare slancio al nuovo corso dell’IRP, assicurandogli maggiore efficienza e competitività, sarà presto il nuovo statuto, forte di una governance più qualificata e di un apparato burocratico più snello.

“Tra gli obiettivi di ‘Oltre l’Uomo’ – aggiunge Laura Dalla Vecchia, presidente DST – avevamo quello di portare nuovi stimoli imprenditoriali nel nostro territorio, caratterizzato da numerose eccellenze manifatturiere ma storicamente meno vocato agli ambiti biotech, i quali presentano oggi opportunità di crescita e sviluppo davvero straordinarie. Città della Speranza in questo senso è una realtà che ha precorso i tempi ed è ormai consolidata: oltre vent’anni di attività della Fondazione, sfociati nell’IRP, dimostrano come un collegamento serio e strutturato tra ricerca, università e imprese possa avere ricadute significative sul territorio, generando opportunità ed attrattività”.

100_9131I contributi del coordinatore scientifico di IRP Marco Alessandro Pierotti e del presidente Andrea Camporese, nell’ambito delle conferenze serali collaterali alla mostra, sono stati preziosi. Il primo, forte di una storia personale che per oltre quarant’anni ha visto vita personale e studi intrecciarsi alla ricerca contro il cancro, ha testimoniato come i nuovi approcci terapeutici, basati su farmaci intelligenti e medicina personalizzata, siano ormai una strada concreta su cui è fondamentale continuare ad investire; il secondo, nella veste di presidente e di imprenditore, sottolineando con energia e convinzione le grandi opportunità e i benefici diffusi connessi alla trasformazione “dall’economia del bullone a quella della conoscenza“, “ha confermato – secondo gli organizzatori – la validità dello stimolo che il DST ha voluto dare con l’esposizione trimestrale ‘Oltre l’Uomo’”.

 



Articolo pubblicato: lunedì, 5 giugno 2017

2018-07-12T08:05:41+00:00