Torneo di Calcio Città della Speranza – 19 anni di sport e solidarietà

Virginio Zilio, uno dei padri fondatori della Fondazione, ci racconta la nascita e la storia del Torneo Città della Speranza, giunto quest’anno alla sua 19esima edizione.

Era il settembre del 1985 quando Virginio perde un figlio, Massimo, alla prematura età di 13 anni.
Dopo questa tristissima esperienza, per poter dare un aiuto concreto e per sostenere le attività del reparto di Pediatria di Padova, Virginio si impegna in numerose iniziative di raccolta fondi, fino a creare, nel 1995, il Torneo di Calcio “Città della Speranza”.

Nei primi anni di vita il torneo durava solo un paio di giorni, e vi partecipavano per lo più i tifosi o le Primavere di grandi squadre di calcio quali la Juventus, il Milan, l’Inter o il Vicenza.

Anno dopo anno, è cresciuta la volontà di ideare un evento più aperto e più composito, al quale partecipassero atleti di tutte le età, e in particolar modo i bambini. Il torneo doveva diventare una manifestazione sportiva all’insegna della solidarietà e dello stare assieme, e la volontà era di vedere gruppi che fossero più eterogenei possibili: bambini e ragazzi con le rispettive famiglie, atleti professionisti, amatori, simpatizzanti…

É così che negli anni a venire anche i pulcini e gli esordienti fanno il loro ingresso tra gli iscritti al Torneo e cominciano a disputare le prime partite. L’iniziativa piace, il passaparola fa crescere la popolarità di questo evento e si allarga la provenienza degli iscritti alle competizioni: arrivano gruppi di Castelfranco, di Padova, di Bassano. Si attiva poi una bella sinergia con Andrea Camporese, e grazie a questa nuova intesa si introduce all’evento di Malo anche la categoria “Primi Calci”.

Questo era un torneo che già esisteva nel vicentino, tra Schio e Santorso, ma che è stato unito a quello della Città di Malo per mettere assieme le forze e le risorse, cercando di contenere al massimo le spese e di attirare ad un unico evento sportivo tutti i bambini della zona.

E l’idea ha funzionato, basti pensare che l’anno scorso ben 54 squadre hanno partecipato all’evento e in una settimana di Torneo si sono riusciti a raccogliere quasi 30mila euro da devolvere alle attività della Fondazione.

Questo ottimo risultato è possibile anche grazie ad una oculata e sapiente amministrazione delle finanze: i costi di realizzazione sono sempre contenuti e gli sponsor fanno gioco

forza nel garantire buona parte della copertura delle spese, in modo che la gran parte degli utili possa venire donata alla Fondazione. L’edizione 2014 si svolgerà dal 7 al 15 giugno prossimi, le squadre iscritte sono una cinquantina. Si comincia il sabato con gli scontri delle “Vecchie Glorie” e dei “Giovanissimi”.

Tutta la domenica è dedicata invece alla categoria “Primi Calci”. Il lunedì si riposa, come pure il mercoledì, mentre martedì e giovedì si sfideranno rispettivamente 16 squadre di “Pulcini”, otto per ciascun girone.

A conclusione del Torneo verranno assegnati i Trofei Massimo Zilio e Roberto Trevisan, saranno premiate le prime tre squadre classificate e tutti i partecipanti riceveranno una foto ricordo del propri team. Per dare l’idea della grandezza di questo evento, dalla sua nascita ad oggi ben 620 squadre vi hanno partecipato e 11.300 bambini hanno preso parte negli anni alla competizione. Il Trofeo Città della Speranza è un evento attesissimo, un appuntamento irrinunciabile per tutti gli amici e sostenitori della Fondazione che sanno fare del calcio uno strumento di socializzazione, di divertimento, di solidarietà e di aiuto al prossimo. (a.t.) 



Articolo pubblicato: martedì, 1 luglio 2014

2018-07-12T08:06:02+00:00