20171010_111829_001

L’Arma dei Carabinieri rinnova il suo impegno a favore della Fondazione Città della Speranza. Una sfida importante e coinvolgente ha spinto i Carabinieri della “Legione Veneto” a promuovere un’ulteriore iniziativa nel pieno spirito di vicinanza che l’Arma dimostra, da sempre, verso tutti coloro che hanno bisogno di aiuto. Nell’ambito delle buone pratiche tese a promuovere la cultura dello sport facilitandone la pratica e, conseguentemente, a migliorare l’efficienza fisica, è stato promosso, con la collaborazione del CONI e della FIDAL, un accordo con l’organizzazione della Maratona di Venezia al fine di poter consentire ad un team dell’Arma di partecipare alla competizione, sia di 42,195 km che di 10 km, quale testimonial della Fondazione Città della Speranza. All’appello hanno risposto circa un centinaio di militari, uomini e donne, che, liberi dal servizio, hanno deciso di dedicarsi all’iniziativa.

L’evento, il primo di un progetto teso ad agevolare la pratica sportiva nelle varie discipline da parte del personale in servizio che potrà, così, soddisfare le proprie passioni atletiche, vede anche la collaborazione di “Difesa Servizi” spa (società partecipata del Ministero della Difesa che opera per la gestione economica dei beni e servizi derivanti dalle attività istituzionali del dicastero della Difesa), che fornirà il materiale tecnico per la partecipazione alla competizione con il logo ARMA 1814 (brand che comparirà su una linea di abbigliamento sportivo destinato al grande pubblico).

La “Venicemarathon”, quindi, sarà un’ulteriore importante opportunità per porre l’attenzione sui più deboli e i meno fortunati, soprattutto i malati oncologici pediatrici.

Alla presentazione dell’iniziativa, condivisa e approvata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, hanno partecipato il Comandante della Legione Carabinieri “Veneto”, Generale di Brigata Giuseppe La Gala, il presidente del Comitato Organizzatore della Venice Marathon, dott. Piero Rosa Salva, Stefania Fochesato e Fabio Rigo, consiglieri della Città della Speranza, il presidente del Coni regionale Gianfranco Bardelle, il presidente della Fidal Veneto Christian Zovico. 

20171010_121344_001

“Correremo per i bambini di tutta Italia – ha dichiarato il gen. La Gala – e per promuovere la conoscenza della Fondazione anche a livello nazionale. Il nostro gruppo non è formato da agonisti, ma da carabinieri di ogni ordine e grado, provenienti anche da Roma, che normalmente si occupano della sicurezza dei cittadini”.

“La Venice Marathon ha una lunga tradizione (quella di quest’anno è la 32esima edizione) ed è con grande piacere che ci facciamo veicolo di iniziative benefiche”, ha aggiunto il presidente Piero Rosa Salva.

“L’Arma dei Carabinieri è da tempo amica di Città della Speranza. Siamo lieti che il suo impegno, cominciato nel 2015 con l’allora generale di Corpo d’Armata Carmine Adinolfi, continui ancora oggi”, ha rimarcato la consigliera Stefania Fochesato.

“La partecipazione del team dell’Arma – ha concluso il consigliere Fabio Rigo – permetterà di dare una spinta al raggiungimento dell’obiettivo posto dalla Fondazione per questa manifestazione: l’acquisto di un’emoteca, ovvero un frigorifero progettato espressamente per la conservazione di sangue ed emoderivati, necessari per le trasfusioni di sangue”.