Camminare per la vita 2019

Si terrà a Treviso, il 22 settembre prossimo, la terza edizione dell’evento Camminare per la Vita, manifestazione ludico-motoria a passo libero, organizzata dalla “costola di pianura” della Onlus Sciare per la Vita, capitanata dalla campionessa di sci Deborah Compagnoni.

Con il motto “Il buon fare, genera il buon fare”, nelle scorse due edizioni gli organizzatori hanno coinvolto in totale circa 8000 persone tra partecipanti e volontari, portandoli a riscoprire il movimento spontaneo come forma di inclusione e partecipazione alla vita sociale, oltre ai ben noti effetti positivi del camminare, legati alla prevenzione e quindi alla salute.

Ad ogni partecipante è stato chiesto un piccolo contributo che è stato devoluto interamente a scopi benefici concreti e il netto raccolto e donato nelle due edizioni è stato di € 56.983,86.

L’intero ricavato è stato versato interamente alla Fondazione Città della Speranza, che sostiene il più grande centro di ricerca sulle malattie infantili d’Europa, e in particolare a favore della borsa di studio del ricercatore dott. Edoardo Maghin, impegnato a svolgere il proprio dottorato di ricerca sull’ernia diaframmatica congenita infantile (o CDH). Dal Laboratorio di Ingegneria Tissutale dell’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza fanno sapere che il progetto ha ottenuto notevoli risultati e riconoscimenti nella Comunità Scientifica, pertanto nei prossimi anni lo studio proseguirà ancora e avrà ancora bisogno del sostegno di tutti.

<<Sono stati due anni intensi e molto proficui sia dal punto di vista scientifico che professionale e personale. Ho potuto dare continuità alla mia formazione in IRP, dopo avervi svolto la tesi di laurea, e dedicarmi totalmente al progetto sull’ernia diaframmatica congenita. L’esperienza di sei mesi all’UCL Great Ormond Street Institute of Child Health di Londra ha sicuramente contribuito ad allargare le mie prospettive. Tutto questo ha permesso la pubblicazione, quest’anno con tutto il gruppo di ricerca capeggiato dalla dott.ssa Martina Piccoli, di due studi scientifici e la mia partecipazione ad altrettanti congressi nazionali e internazionali per illustrare i risultati ottenuti. Altra soddisfazione è stata ‘Repopulating Home’, la foto che mi è valsa il secondo premio al concorso internazionale ‘RME 2019 Art of Science’>> racconta il dott. Edoardo Maghin.

<< Dopo due anni posso dire di avere la piena consapevolezza che quella del ricercatore è la professione che voglio continuare a fare nella vita. L’entusiasmo che ogni giorno si ricava dal proprio lavoro in laboratorio è la soddisfazione più bella, nonostante gli ostacoli e le difficoltà che possono insorgere. Tale spinta arriva anche dalle tantissime persone che, attraverso “Camminare per la Vita”, credono nel mio progetto e lo sostengono con tenacia. A tutte loro rivolgo un grazie speciale>>.

Quest’anno, ogni partecipante (runner, appassionato di nordic walking o semplice camminatore) potrà scegliere tra due percorsi che si snoderanno nei quartieri Santa Bona, San Liberale e San Paolo, aree densamente popolate fuori dal centro storico di Treviso, con tante scuole e famiglie, ricche di persone impegnate in associazioni che operano in campo sportivo, sociale e culturale.

 << Invitiamo le persone a unirsi a noi, con semplicità, per correre o camminare insieme lungo le vie di questi quartieri di Treviso, che ci hanno sorpreso per la generosità delle persone che qui vivono e per la particolarità di tanti luoghi che andremo a visitare>> spiega Deborah Compagnoni

<< Cammin facendo, ci saranno sorprese e gruppi musicali che trasformeranno la nostra giornata in una festa ricca di suoni e colori! Inoltre, con un piccolo contributo di partecipazione ci aiutate a sostenere i progetti della Fondazione Città della Speranza. Perché il movimento, oltre a farci bene, può aiutare concretamente chi è meno fortunato, a patto però che unisca le persone >>

Ed aggiunge:

<< Verranno a camminare con noi anche campioni dello sport, ma sicuramente i veri campioni del cuore sono tutti coloro che ci sostengono e partecipano con entusiasmo e gioia alla nostra manifestazione, che è aperta a tutti e non è competitiva. >>

 <<Il successo di ‘Camminare per la Vita’ è un successo di tutti: degli organizzatori e dei volontari che lavorano un intero anno per dare il meglio e offrire sempre qualcosa di nuovo; di tutti quei sostenitori che credono nel progetto e vi collaborano a vario titolo; delle migliaia di persone che giungono da ogni dove per questo evento>> osserva il presidente di Città della Speranza, Stefano Galvanin.

<< Tutta Treviso, e non solo, sta dimostrando attenzione per la Fondazione. Auspichiamo che trovino posto altre iniziative forti per far crescere questo sostegno, che è prima di tutto sostegno ai bambini malati>>.

<< Siamo veramente felici di sostenere “Camminare per la Vita”, manifestazione che fa bene e fa “del” bene, sostenendo la ricerca scientifica con Fondazione Città della Speranza >>,  le parole del sindaco Mario Conte.

<< Lo sport riesce sempre a muovere gambe e animi, facendo conoscere alla gente realtà lodevoli come “Sciare per la Vita”, che vede impegnata una grande campionessa come Deborah Compagnoni. Inoltre, mi piace che i due percorsi si snodino lungo i quartieri, dove ogni giorno centinaia di persone si impegnano per il prossimo. Treviso è una città che ama lo sport e ama tendere una mano a chi bisogno e Camminare per la Vita è un’iniziativa che riassume questi grandi valor i>>.

L’evento gode del patrocinio della Regione Veneto, della Provincia di Treviso e del Comune di Treviso.

Per iscriversi e partecipare o fare una donazione, consultate il sito: www.camminareperlavita.it oppure la pagina Facebook @CamminareperlaVita

 

Potete trovare altre informazioni su:

www.camminareperlavita.it

www.sciareperlavita.com



Articolo pubblicato: venerdì, 20 settembre 2019

2019-09-20T14:46:25+00:00